Doccia scozzese - Doccia scozzese

Doccia scozzese di Cristiana Mastropietro

RSS Feed

Una bambina ci è morta

Images

C’era una bambina che mi perseguitava. Quella che si faceva male prima che mi facessi male io. Era il deterrente per non farmi fare cose, di solito le più divertenti e trasgressive: salire sulla cupola di S.Pietro? No, c’è morta una bambina. Giocare con le due palline che rimbalzavano e facevano casino? Una bambina ci ha perso un occhio. Le montagne russe? Sei matta, una bambina una volta è voltata via con tutta la famiglia. Andare per catacombe? Una bambina è sparita con tutta la sua classe, non li hanno più trovati. Almeno salire sulla terrazza di Fiumicino. Eh no, l’hanno chiusa, la stramaledetta bambina è caduta di sotto.
Lei era sempre accanto a me: naturalmente era una zombie, che muore ma ancora cammina. Perdeva occhi e subiva lesioni varie ma era ancora qui, a farsi male al posto mio. E anche a godersi le cose al posto mio, però.

Commenti

Di converso mio figlio cita spesso la fortunata versione maschile della tua bambina. "Ma lo sai che un bambino ha avuto il permesso di mangiare un gelato da 3 euro e non gli è venuta la cagarella?" "Ma lo sai che un bambino è caduto dal terzo piano e si è rotto solo un braccio?" Ottimismo e avventurismo maschile vs. istinto di conservazione e pessimismo femminile? Mi viene naturale pensare che il modello bambina sfigata che la mamma cita sempre spaventi le femmine come i maschi, ma mentre le femmine registrano solo l'effetto castrante senza reagire, i maschi reattivamente prendono a modello qualche bambino meno sfigato, coi tratti del supereroe. Che poi i supereroi non siano sempre modelli utili, lo dicono chiaramente i diversi tassi di mortalità giovanile di uomini e donne:-)
è verissima questa cosa della bambina, e quell'altra si è divertita come una pazza...colpa delle madri cara cippa.aimè!delle madri italiane.mi spiace.ma verrà un giorno che racconterete alle vostre figlie storie fantastiche sulle donne, storie positive, storie di grandezza e non di miseria femminile.bisogna cominciare da piccole e fare attenzione ai dettagli.forza che ce la potete fare!